“COSA E’ CONTANTE LIBERO”

di , pubblicato il 10 gennaio 2013, alle ore 0:01

L’iniziativa Contante Libero appartiene a tutte le persone che decidono di parteciparvi.

Contante Libero non ha nessun colore politico, non è un’associazione a scopo di lucro e non vuole promuovere direttamente alcuna linea di pensiero economico. Il suo unico scopo risiede nella difesa di quel diritto naturale che è la libertà, di cui ogni individuo è titolare fin dalla sua nascita.

Porre limiti sempre più severi alla circolazione e all’impiego del contante è una azione iniqua e sbagliata a prescindere da chi la propone. Noi non intendiamo aborrire la moneta elettronica (pur pensando che sia auspicabile una riduzione dei costi delle transazioni elettroniche), ma riteniamo giusto quanto necessario che gli strumenti con cui debbano essere portati a termine gli scambi economici vengano decisi il più possibile dai cittadini. Per tal motivo, “sosteniamo il legittimo utilizzo del denaro contante”.

Contante Libero nasce da uno scambio di mail in rete, alcune semplici idee che hanno portato alla necessità di raccogliere l’adesione di tutti i cittadini che non vogliono diventare un “estratto conto” a disposizione dei poteri forti. Non ci sono partiti, consorterie o gruppi di interesse di alcun genere dietro alla nostra iniziativa, bensì persone libere, cittadini che desiderano tutelare un ragionevole ed effettivo rispetto del diritto alla privacy, individui che rifiutano di essere considerati e trattati come un mero mezzo.

In nessun Paese al mondo, nemmeno nelle peggiori dittature, l’utilizzo del denaro contante è stato eliminato o compresso ex lege fino all’intollerabile. L’Italia rischia di diventare il primo esperimento in cui viene istituito il totale, o pressoché totale, controllo sulla vita dei cittadini attraverso le transazioni del denaro. Lotta all’evasione fiscale e/o motivi di sicurezza sono pretesti che non possono in alcuna maniera legittimare l’esistenza di uno Stato modellato secondo i dettami del “Grande Fratello orwelliano”.

Noi non vogliamo vivere in un tale incubo. Per questo nasce Contante Libero, per questo chiediamo la vostra firma, la vostra adesione, la vostra partecipazione.